Supporto Clienti

Fattura Smart Skill - Le soluzioni per velocizzare il processo di fatturazione

Fattura Smart Skill - Le soluzioni per velocizzare il processo di fatturazione

 
FATTURA SMART SKILL

Le soluzioni per velocizzare e automatizzare il processo di fatturazione
elettronica


Scadenze di pagamento personalizzabili




Gestione solleciti di pagamento




Emissione RIBA e Bonifici




Acquisizione automatica dei dati anagrafici



Fattura Smart è la soluzione per gestire il processo di fatturazione elettronica (attivo e passivo) in maniera automatizzata, completa ed integrata.

Con Fattura Smart lo studio può dotare il proprio cliente di un servizio semplice per emettere, ricevere ed inviare tutte le fatture, semplificando al contempo la gestione delle registrazioni contabili, mantenendo sotto controllo l'intero processo.

Le Smart Skill sono funzioni aggiuntive a Fattura Smart che permettono di velocizzare e automatizzare il processo di fatturazione elettronica direttamente in Fattura Smart, gestendo in modo completo ed intuitivo le tue finanze e gli adempimenti normativi..



Leggi tutto...

Abrogazione dell'Esterometro trimestrale e assolvimento della Comunicazione dati tramire SDI

Con la pubblicazione del Provvedimento del Direttore dell’Ade n. 293384 del 28/10/2021, si è concluso l’iter legislativo per effetto del quale - a partire dal prossimo 01/01/2022 - non sarà più possibile effettuare la trasmissione trimestrale dei dati delle operazioni transfrontaliere (c.d. Esterometro) e diventerà contestualmente obbligatoria la trasmissione dei dati stessi, mediante il tracciato della fatturazione elettronica.

Le precedenti regole, contenute nel Provvedimento n. 89757 del 30/04/2018, prevedevano infatti la possibilità di utilizzare due modalità alternative - entrambe ancora usufruibili fino al 31/12/2021 - di trasmissione telematica all’Ade dei dati delle operazioni transfrontaliere:

  • la prima prevedeva la predisposizione e l’invio trimestrale di due file Xml, uno per le operazioni attive e uno per le operazioni passive, contenenti i dati fiscali di tutte le operazioni effettuate e ricevute da e verso operatori stranieri, nel trimestre di riferimento (c.d. Esterometro);
  • la seconda prevedeva, esclusivamente per le operazioni attive, la predisposizione e l’invio per ogni operazione di un file conforme al tracciato e alle regole tecniche della fatturazione elettronica, da trasmettere al SdI, impostando il campo del tracciato “Codice Destinatario” con il valore convenzionale (XXXXXXX).

Per effetto delle modifiche apportate all’articolo 1, comma 3-bis, del D.lgs. n. 127/2015, dall’articolo 1, comma 1103, della Legge n. 178/2020, con riferimento alle operazioni attive e passive effettuate a partire dal 01/01/2022, i dati delle operazioni transfrontaliere dovranno essere trasmessi esclusivamente utilizzando il SdI (Sistema di interscambio) e il formato del file fattura elettronica.
Il nuovo Provvedimento stabilisce termini differenziati per le operazioni attive e passive:

  • per le operazioni attive, la trasmissione dovrà essere effettuata entro i termini di emissione delle fatture o dei documenti che ne certificano i corrispettivi;
  • per le operazioni passive, la trasmissione dovrà essere effettuata entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello di ricevimento del documento comprovante l'operazione o di effettuazione dell'operazione.

Scarica e consulta l'estratto delle Note di Rilascio della vers. 22.00.00 riguardante la nuova gestione e le modalità operative con cui procedere in fase di registrazione.

 

Leggi tutto...
B.Point SP - Import fatture - Consegna e importazione di fatture a cavallo tra un anno e l'altro

B.Point SP - Import fatture - Consegna e importazione di fatture a cavallo tra un anno e l'altro

Con l'arrivo del nuovo anno, si pone sempre il problema di come registrare le fatture di acquisto emesse nell'anno precedente e transitate presso lo SDI nel nuovo anno o eventualmente il 31/12 dell'anno precedente.

Con la presente informativa desideriamo fornire alcune indicazioni pratiche su come predisporre, da Fattura SMART e/o dal portale Fatture&Corrispettivi, consegne distinte per:

  • fatture d'acquisto aventi data documento del 2021 consegnate nel 2021;
  • fatture d'acquisto aventi data documento del 2021 consegnate nel 2022;
  • fatture aventi data documento nel 2022.

La prima tipologia dovrà essere inserita in una specifica consegna che dovrà essere importata selezionando l'esercizio 21 nell'Importatore Fatture.
La seconda e la terza tipologia dovranno essere inserite in una diversa consegna che dovrà essere importata selezionando l'esercizio 22 nell'Importatore Fatture; ricordandosi di aprire precedentemente il nuovo anno in contabilità.

Ricordiamo infatti che le fatture di acquisto datate 2021 e ricevute nel 2022 (data di consegna SdI), in base all'attuale formulazione dell'articolo 25 del D.P.R. 633/1972, devono essere registrate nel mese di gennaio 2022 e liquidate nel primo periodo di liquidazione del 2022.

Non risulta infatti possibile computare queste fatture nel mese di dicembre 2021 e neppure computarle nella dichiarazione IVA 2022 (riferita al 2021), in quanto non si tratta di "fatture dimenticate".

Ne consegue, quindi, che l’utilizzo della funzione “IVA p/p”, competenza IVA periodo precedente, risulta inibita nel primo periodo di liquidazione del 2022 (gennaio se la liquidazione è mensile, primo trimestre se la liquidazione è trimestrale).

Il suggerimento operativo, per gli utenti di Fattura Smart e per coloro che scaricano massivamente le fatture prelevandole dal portale Fatturre e Corrispettivi dell'Agenzia delle Entrate, è quindi quello di:

CREARE CONSEGNE SEPARATE PER LE FATTURE D’ACQUISTO RICEVUTE NEL 2021 RISPETTO A QUELLE RICEVUTE NEL 2022.

ATTENZIONE: dalla Rel. 20.00.40 il programma effettua una verifica sia sulla data documento, sia sulla data di consegna dallo SDI, per permettere l'importazione nell'anno corretto.

Per quanto riguarda B.Point SP e l'importazione direttamente dallo SDI, occorre prestare molta attenzione all'esercizio proposto dalla procedura in fase di importazione, in special modo quando si è già aperto l’esercizio 22/22.

Il programma propone in fase di importazione l’ultimo esercizio aperto, quindi potrebbe anche essere il 22/22 anche per fatture del 2021 ovvero 21/21 per fatture del 2022 qualora l'esercizio 22/22 non sia stato ancora aperto.

Dovendosi acquisire delle fatture 2021 nell'esercizio 21/21, basterà modificare l’esercizio Co.Ge. impostando il 21/21, l’esercizio I.V.A. sarà conseguentemente ed automaticamente variato dalla procedura.

Leggi tutto...

Fattura elettronica, conservazione retroattiva: novità dell'Agenzia delle Entrate

Fattura elettronica, conservazione a norma retroattiva: dal 4 giugno 2021 è attivo il nuovo servizio dell’Agenzia delle Entrate, che consente di conservare massivamente le e-fatture transitate dal SdI prima dell’adesione. Come funziona e novità.

Fattura elettronica, parte la possibilità di adesione retroattiva al servizio di conservazione a norma dell’Agenzia delle Entrate.

A pochi giorni dalla scadenza del 10 giugno 2021, termine per la conservazione sostitutiva prorogato dal decreto Sostegni, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione di partite IVA e intermediari una nuova funzionalità, per superare il problema del caricamento manuale delle fatture elettroniche relative al periodo precedente all’adesione al servizio gratuito.

Accedendo alla sezione dedicata alla conservazione delle fatture elettroniche sul portale Fatture e Corrispettivi, è possibile indicare una data antecedente a quella di adesione al servizio.

L’Agenzia delle Entrate archivierà automaticamente tutte le fatture transitate dal SdI dalla data indicata dal contribuente.

Fattura elettronica, conservazione retroattiva: novità dall’Agenzia delle Entrate

L’adesione al servizio gratuito offerto dall’Agenzia delle Entrate per adempiere all’obbligo di conservazioneconservaznorma delle fatture elettroniche consentirà al contribuente di recuperare tutti i file transitati dal SdI, a partire dalla data indicata.
Non sarà più necessario caricare manualmente e una alla volta le fatture emesse e ricevute prima dell’adesione. È questa la novità disponibile dal 4 giugno 2021 sul portale dell’Agenzia delle Entrate.
Il titolare di partita IVA potrà chiedere di recuperare e conservare per 15 anni tutte le fatture elettroniche emesse e ricevute dal 1° gennaio 2019.

Il servizio consente di conservare massivamente tutte le fatture di proprio interesse.
Basterà indicare, al momento dell’adesione all’accordo di servizio, una data antecedente a partire dalla quale verranno archiviati a norma tutti i documenti elettronici trasmessi e ricevuti dal Sistema di Interscambio.

Diversamente, se non si indica la data di recupero retroattivo verranno conservate solo le fatture transitate dal SdI dal giorno successivo alla data di adesione al servizio.
Il servizio è senza dubbio utile per i titolari di partita IVA che non hanno affidato la conservazione delle fatture elettroniche a soggetti privati, ai quali viene data ora la possibilità di recuperare tutte le fatture transitate dal SdI dal 1° gennaio 2019, prima della data di adesione al servizio delle Entrate, e senza necessità di caricare i file uno per uno.
Discutibile è tuttavia il tempismo dell’Agenzia delle Entrate: il nuovo servizio è stato lanciato il 4 giugno, a circa una settimana dalla scadenza del 10 giugno 2021, prorogata dal decreto Sostegni rispetto al termine ordinario del 10 marzo, per la conservazione a norma delle fatture elettroniche del 2019, adempimento che ha causato non pochi malumori ad imprese e intermediari.

Conservazione fatture elettroniche retroattiva per tutti: revoca e nuova adesione per chi aveva già aderito

Tutti potranno beneficiare del nuovo servizio dell’Agenzia delle Entrate.

Chi ha già aderito ad un accordo per la conservazione delle fatture elettroniche prima del 4 giugno 2021, potrà richiedere l’archiviazione retroattiva dei file revocando l’accordo in corso e successivamente aderire nuovamente, indicando la data a partire dalla quale recuperare i file transitati dal SdI.
Come indicato dall’Agenzia delle Entrate, i periodi oggetto di recupero di fatture già transitate per Sdi in precedenza all’adesione sono compresi nell’intervallo individuato dalla data retroattiva indicata dall’utente e la data di adesione al servizio di conservazione (estremi inclusi).

Un aspetto importante da considerare riguarda le fatture che è possibile recuperare: la data retroattiva indicata non potrà essere precedente al 1° gennaio del secondo anno precedente a quello di adesione.
Per recuperare le fatture elettroniche emesse nel primo periodo d’avvio dell’obbligo, ossia dal 1° gennaio 2019, bisognerà effettuare l’adesione entro il 2021.

(Tratto da Money.it)

Leggi tutto...

Comunicato Stampa n° 49 del 13/03/2021

Come comunicatoVi in precedenza, è in arrivo la proroga che consentirà agli operatori di avere tre mesi in più per portare in conservazione le fatture elettroniche del 2019.

A questo proposito vorrei sottolineare due situazioni che ci preme rimarcare:

L'Agenzia delle Entrate già da tempo, Dicembre 2018, ha messo a disposizione il servizio gratuito a costo zero per tutti gli operatori con Partita IVA, che permette la conservazione delle fatture elettroniche, transitate presso lo SDI. Per questo servizio, l'operatore doveva fare esplicita adesione con i soliti canali forniti dall'Agenzia. La MEM Informatica S.r.l. si è preoccupata, in diverse occasioni, di ricordare questo importante "adempimento"  per evitare l'acquisto di software costosi, di terze parti, che fornivano lo stesso servizio gratuito dell' Agenzia delle Entrate.

Detto ciò, i file XML, che transitano presso lo SDI, sono firmati in digitale e hanno un peso molto ridotto. Le fatture attive, mediamente, "pesano" tra gli 8 e i 13 kb; mentre le fatture passive, mediamente, "pesano" tra i 12 e 18 kb.

Rimane sottointeso, cosa prevista dalle norme sulla conservazione delle fatture, che tutti i software che emettono le fatture elettroniche, prevedono anche la possibilità di allegare, alla fattura XML, anche la fattura di cortesia in formato .pdf. Se avviene ciò, il file che andrà in conservazione non sarà più di 8 kb bensì di grandezza notevolmente maggiore.

Ed è proprio questo che è successo con diversi clienti che hanno acquistato, all'ultimo momento, il software ARKon per l'archiviazione e conservazione. Se con il software B.Point SP e/o con Fattura Smart allego dei file alla fattura elettronica e/o decido di spedire, allegato all'XML, anche la fattura di cortesia, lo spazio indispensabile per la conservazione, aumenta notevolmente.

A tale proposito si chiede quindi a tutti gli studi che hanno fornito Fattura Smart ai propri clienti e/o a tutte le aziende che operano con il modulo aziendale per l'emissione delle fatture, di verificare se all'atto dell'invio allo SDI, viene allegata anche la cosidetta fattura di cortesia.

Sperando di essere stati chiari e precisi con la puntualizzazione, il Reparto Assistenza della MEM informatica S.r.l. è a completa disposizione per tutti i chiarimenti in merito.

Leggi tutto...
Fattura Elettronica: nuovo tracciato record facoltativo dal 1/10/2020. Al 28/02/2021 l'adesione al servizio di consultazione

Fattura Elettronica: nuovo tracciato record facoltativo dal 1/10/2020. Al 28/02/2021 l'adesione al servizio di consultazione

A partire dal 1° ottobre 2020, è possibile utilizzare il nuovo tracciato XML con le modifiche introdotte dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 99922 del 28 febbraio 2020, e oggetto di successivo ritocco con Provvedimento 20 aprile 2020, prot. n. 166579/2020.
Si tratta di una serie di nuovi codici natura e codici documento (versione 1.6.1.) la cui obbligatorietà scatterà dal 1° gennaio 2021, ma che i soggetti IVA possono iniziare ad usare, in via facoltativa, appunto, dal 1° ottobre 2020, per cominciare a familiarizzare con le novità.
Pertanto, nei 3 mesi finali del 2020 saranno accolti dal SDI sia i documenti predisposti secondo le attuali specifiche (versione 1.5), sia quelli già conformi alle nuove indicazioni dell’Agenzia delle Entrate.
Da segnalare che le nuove codifiche avrebbero dovuto essere obbligatorie già dal 1° ottobre 2020, ma l’emergenza Covid-19 ha spostato in avanti il calendario.

Pertanto, come detto sopra, l’utilizzo obbligatorio dei nuovi codici scatterà dal 1° gennaio 2021, anche in funzione della predisposizione delle bozze dei registri, delle liquidazioni periodiche e della dichiarazione annuale a cura dell’Agenzia delle Entrate, prevista a partire dalle operazioni effettuate dal 1° gennaio 2021.

Riguardo a quest’ultimo aspetto c’è da rilevare che anche esso ha subito vari slittamenti, non solo per l’emergenza sanitaria.
Infatti, alla data attuale, il testo aggiornato dell’art. 4, D.Lgs. n. 127/2015, salvo ulteriori slittamenti, fa decorrere dal 2021 il servizio di messa a disposizione delle bozze precompilate dei registri, delle liquidazioni periodiche e della dichiarazione annuale.

Scarica il Punto Fiscale (allegato al presente articolo) per approfondire l'argomento.

Leggi tutto...

Detrazione IVA fatture dimenticate

 
What do you want to do ?
New mail

Ricordiamo le principali indicazioni fornite dalla Circolare dell'Agenzia delle entrate 1/E, del 17/1/2018, in merito alla registrazione delle fatture di acquisto emesse dai fornitori nel 2017, e ricevute rispettivamente nel 2018 ovvero nel 2017:

  • le fatture emesse nel 2017 (con riferimento alla data documento) e ricevute nel 2018, possono continuare ad essere registrate nel 2018 (con riferimento alla data registrazione) e confluiscono nella liquidazione del periodo (mese o trimestre) in cui sono state registrate e confluiranno altresì, il prossimo anno, nella dichiarazione Annuale IVA 2019 (competenza 2018). In pratica nulla cambia rispetto al passato;
  • le fatture emesse nel 2017 (con riferimento alla data documento) e ricevute nel 2017, ma per le quali non è stata effettuata la registrazione nel 2017 (cd. "fatture dimenticate"), devono anch'esse essere registrate nel 2018 (con riferimento alla data registrazione) e confluiscono esclusivamente nella dichiarazione Annuale IVA 2018 (competenza 2017) e non confluiscono in nessuna liquidazione di periodo (mese o trimestre), né del 2017 né nel 2018.

N.B. Occorre prestare la massima attenzione al fatto che si tratti davvero di fatture emesse nel 2017 e ricevute nel 2017, in quanto solo per queste fatture deve essere adottata la nuova modalità di registrazione, mentre per quelle ricevute nel 2018 nulla cambia a livello di registrazione rispetto alle modalità utilizzate in passato.

  • Il presente flusso fa riferimento a "fatture dimenticate" dell'anno 2017, ma può essere utilizzato anche negli anni successivi per le fatture cartacee.
  • Il presente flusso può essere utilizzato anche per le fatture elettroniche a partire dall'anno 2019. Si pensi al caso di una fattura elettronica emessa il 20/12/2019, ricevuta il 30/12/2019 e registrata entro il 30/04/2020 (termine per la presentazione della Dichiarazione IVA).

Scarica la Nota Salvatempo e approfondisci l'argomento.

Leggi tutto...
Dispensa - La registrazione delle " Fatture da Ricevere "

Dispensa - La registrazione delle " Fatture da Ricevere "

All’inizio di ogni anno, si pone il problema della registrazione di tutte quelle fatture che, pur essendo ricevute nel nuovo anno (esempio gennaio 2020), sono di intera competenza dell’anno precedente (esempio dicembre 2019).

Con B.Point SP non si ha nessun automatismo legato alle causali IVA e/o contabili. Dovrà essere l’operatore, una volta identificata la casistica, procedere secondo una delle due soluzioni proposte di seguito.

Scarica e consulta il manuale per poter procedere velocemente con la registrazione delle " Fatture da Ricevere."

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
  • 1
  • 2

MEM Informatica srlMEM Informatica srl

MEM Informatica S.r.l.
P. IVA: 00920000916
Iscritta al Reg. Imprese di Nuoro n. 00920000916 [REA n. 55741]
Orario di lavoro
Lunedì - Venerdì
 8:30 / 13:00
14:30 / 18:00
Sabato
Chiuso
Domenica
Chiuso
Contatti
Tel
+39 0784 26 20 99
+39 0784 26 01 15
+39 070 773 71 59
Fax
+39 0784 26 21 07
Nuoro (NU)
Nuoro, 08100
Via Pasquale Dessanay, 27
Cagliari (CA)
Cagliari, 09100
Via Giovanni Battista Tuveri, 13
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.